Torna a Eventi FPA

Promosso da

Main partner e partner

Tutti i partner...

Programma dei lavori

Venerdì, 26 gennaio

09:30
10:30

Sessione Plenaria. L’innovazione è un gioco di squadra[pl.01]

Sala: Padiglione 33

REGISTRAZIONE VIDEO DELLA SESSIONE PLENARIA

FORUM PA Emilia-Romagna è una grande occasione di confronto e di partecipazione per l’intera comunità degli innovatori emiliano-romagnoli: PA, imprese, Università, Terzo Settore, sindacati, associazioni di categoria, cittadini. L’obiettivo è confrontarsi sulle sfide cruciali per il futuro della comunità regionale allargando lo sguardo su esperienze e buone prassi provenienti dal resto del Paese. Una giornata di confronto e dibattito innovativa anche nel format: i lavori infatti si svolgeranno secondo il metodo Open Space Technology (OST) e i partecipanti avranno a disposizione otto temi, otto priorità sulle quali discutere, fare il punto e trovare nuove strade

10:45
16:45

I OST: #UnWelfareSostenibile[ost_1]

Sala: Padiglione 33

Per agganciare la ripresa e riportare stabilmente la crescita sul territorio è necessario agire la leva del welfare in chiave moderna connettendo le politiche per il lavoro a quelle per la formazione e l’inclusione sociale in una visione organica orientata ad uno sviluppo sostenibile capace di combattere le disuguaglianze e riconnettere persone e territori. 

10:45
16:45

II OST: #ImpreseNelMondo[ost_2]

Sala: Padiglione 33

Come rendere l’Emilia-Romagna un territorio ancora più competitivo e aumentare la sua capacità di attrazione verso le aziende e gli investitori internazionali? Si tratta di un tema cruciale per lo sviluppo futuro della regione che interroga non solo la PA, responsabile della qualità e della modernità dei servizi che offre alle imprese, ma l’intero tessuto economico-imprenditoriale, dalle aziende alle banche, dalle cooperative alle università, impegnato a vincere la sfida dell’innovazione attraverso la ricerca e lo sviluppo di nuove soluzioni capaci di creare valore e stimolare l’interesse degli investitori stranieri. 

10:45
16:45

III OST: #LaSaluteNonAspetta[ost_3]

Sala: Padiglione 33

Con il Piano Regionale sulle liste d’attesa delle visite specialistiche e gli esami strumentali e con quello per i ricoveri ospedalieri programmati la Regione ha voluto affrontare di petto il tema di maggiore criticità nel rapporto tra Sistema Sanitario e cittadini-pazienti, puntando sulla riorganizzazione dei tempi e delle strutture e coinvolgendo nella strategia le Aziende Sanitarie e Ospedaliere. La riduzione dei tempi d’attesa è una sfida cruciale per il SSR ed è indispensabile continuare il confronto con operatori e utenti per informare e discutere attorno al percorso fatto e a quello che resta da fare. 

10:45
16:45

IV OST: #EconomiaCircolare[ost_4]

Sala: Padiglione 33

La Regione Emilia-Romagna ha elaborato il Piano Energetico Regionale per fissare obiettivi e strategie territoriali di lotta al cambiamento climatico, in favore del risparmio energetico e dello sviluppo da fonti rinnovabili fino al 2030. Poi, nel Piano triennale di attuazione 2017-2019 la Regione ha stanziato 248,7 milioni di euro per interventi in favore dello sviluppo del sistema regionale della ricerca e dell’innovazione, i green jobs, la mobilità sostenibile e la qualificazione delle imprese e dell’edilizia. Una sfida dalla portata enorme che richiede la collaborazione attiva degli enti locali e dei cittadini nell’ottica della crescita intelligente, sostenibile e inclusiva prevista dalla strategia dell’Unione europea. 

10:45
16:45

V OST: #PA4.0[ost_5]

Sala: Padiglione 33

Per rispondere in maniera efficace alle sfide poste dai cambiamenti del sistema produttivo e del tessuto sociale la PA deve riorganizzarsi attorno ad alcuni principi chiave: la partecipazione (dei cittadini, degli stakeholders e dei dipendenti pubblici), la semplificazione (meno pratiche, più veloci e chiare), la trasparenza e il controllo (tutti dovrebbero sapere sempre cosa si fa, come e quali sono i risultati). In quest'ottica, la Regione Emilia-Romagna ha avviato un percorso ambizioso di riorganizzazione interna in coerenza con gli obiettivi della riforma nazionale, puntando a snellire, ridurre i costi e rafforzare le aree cruciali dell'amministrazione. 

10:45
16:45

VI OST: #LavoroAgile[ost_6]

Sala: Padiglione 33

Riformare il lavoro, anche nel settore pubblico, sviluppando forme di collaborazione capaci di conciliare produttività, obiettivi organizzativi e bisogni dei dipendenti in un clima di attenzione ai risultati: questa è la sfida che cambia il modo di lavorare e che anche la riforma “Madia” ha voluto accogliere. All’art. 14, infatti, prevede misure organizzative “per la sperimentazione … di nuove modalità spazio-temporali di svolgimento della prestazione lavorativa”. Come cogliere concretamente questa possibilità e attraverso quali strumenti, anche tecnologici, implementare un disegno complessivo di revisione e di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro? 

10:45
16:45

VII OST: #ERdigitale[ost_7]

Sala: Padiglione 33

La Trasformazione Digitale rappresenta una grande opportunità per la PA perché consente di ripensare i processi, ridisegnare i servizi, costruire strumenti di partecipazione e di accountability. Molto più che semplice informatizzazione, la Trasformazione DIgitale è un processo di comunità che coinvolge l’amministrazione e i territori in un continuo e proficuo rimando tra offerta e domanda di servizi sempre più moderni e innovativi. Da questo circolo virtuoso, reso ancora più profondo e democratico dalle tecnologie dell’informazione e dai social media, può innescarsi un processo di sviluppo economico e civile capace di sostenere e diffondere la crescita orientandola nella direzione di una piena e compiuta sostenibilità. 

10:45
16:45

VIII OST: #InnovazioneCondivisa[ost_8]

Sala: Padiglione 33

Oggi le organizzazioni, per creare valore, non possono più accontentarsi delle  idee che sviluppano al loro interno ma hanno il dovere di ricorrere a strumenti e competenze che arrivano dall’esterno, in particolare dall’ecosistema dell’innovazione che è fatto di startup, università, istituti di ricerca, fornitori, inventori, programmatori, consulenti e dai cittadini stessi, non più solo portatori di bisogni ma anche di saperi e di soluzioni. La PA in questo contesto può svolgere un ruolo di enzima, facilitare, attraverso politiche mirate, lo sviluppo di forme innovative di collaborazione e favorire i processi di condivisione e circolazione di idee e pratiche innovative. 

17:00
18:00

Sessione Plenaria Conclusiva. Il modello Emilia-Romagna per sostenere, condividere, rafforzare e attuare l’innovazione[pl.02]

Sala: Padiglione 33

REGISTRAZIONE VIDEO DELLA SESSIONE PLENARIA

S

La PA oggi ha bisogno di innovazione per stare al passo con le esigenze di una società e di un’economia in rapido cambiamento. E l’innovazione, per non restare solo uno slogan, ha bisogno di essere sostenuta dai vertici, condivisa con la comunità regionale, rafforzata da una rete di competenze e attuata con determinazione. Per questo la Regione Emilia-Romagna ha intrapreso un percorso di riorganizzazione funzionale con l’obiettivo di consolidare una struttura semplice e trasparente in grado di connettere persone, istituzioni, imprese e tecnologie. Un modello in grado di immaginare l’innovazione, progettarla insieme a cittadini e territorio e poi realizzarla con convinzione contando anche sulle competenze degli uomini e delle donne che lavorano nella PA.